Archivi categoria: Biblioteca

GRAZIE COMPAGNO CAMMINANTE

GRAZIE COMPAGNO CAMMINANTE

Grazie Compagno Camminante - Dedicata ai camminatori dializzati e trapiantati che partiranno per Santiago de Compostela il 20 giugno 2014
Grazie Compagno Camminante – Dedicata ai camminatori dializzati e trapiantati che partiranno per Santiago de Compostela il 20 giugno 2014

Lo zaino sulle spalle, che pesava molto meno dei pensieri;
il lungo cammino da affrontare, che era molto meno lungo
della strada personale da percorrere.
Mille pensieri, mille tristezze,
la testa lontana dal corpo, in mezzo alle nuvole, a guardare
la mia terra in quel momento molto lontana.
Improvvisamente le mie mani incrociano le tue
Per sostenerci a vicenda lunga la polverosa strada…
Tanto era solo per il cammino, solo fino alla fine del cammino.

Lo zaino sulle spalle che pesava sempre meno
I pensieri che diventavano sempre più leggeri,
La strada scivolava sotto i nostri passi
Mille passi tutti i giorni, tanta strada
La testa volava lontano, in mezzo alle nuvole, a guardare
Noi due in terra straniera camminare nella polvere
Le nostre dita, le nostre mani, i nostri occhi,
Si sfioravano e si cercavano con tenerezza
Tanto era solo per il cammino, solo fino alla fine del cammino.

Lo zaino sulle spalle che ormai non pesava più
I pensieri erano ormai lontani
La polvere, il fango nelle scarpe
La pioggia nei capelli, il sole negli occhi
La testa che girava non dalla fatica, ma dalla gioia,
O per una notte passata ad occhi aperti mano nella mano
Tra strani rumori ed umori strani
Sensazioni forti di amore sincero, di amore non colpevole
Tanto era solo per il cammino, solo fino alla fine del cammino.

Lo zaino pesante di pioggia lassù tra la nebbia
I pensieri che a poco a poco tornavano
A turbare questo cammino fatto anche di leggerezza
Il viso bagnato e non solo di pioggia
Il freddo nelle ossa e la febbre sulla fronte
La testa confusa alla ricerca delle certezze ritrovate
I nostri corpi a cercare il calore di cui avevamo tanto bisogno
Le nostre mani a cercare di trattenere qualcosa che stava nascendo
Ma tanto era solo per il cammino, era stato solo fino alla fine del cammino….

Lo zaino ormai leggero là, in quella agognata piazza
I pensieri non c’erano più, c’era solo la gioia
Le lacrime dolci scendevano sulle nostre guance
Ogni sconosciuto diventava amico da abbracciare
Le gambe stanche diventate leggere
La testa frastornata da mille visioni, da mille rumori, da mille singhiozzi
Il corpo disteso sul selciato a guardare la maestosità della cattedrale
Le nostre mani a cercare l’assoluto per non lasciarlo andare
Tanto era la fine del cammino, era solo fino alla fine del cammino

Lo zaino pieno di pensieri lo abbiamo scaricato dalle spalle
La vita di tutti i giorni ormai non è più pesante
I problemi sono risolti, abbiamo aggiunto gioia alla vita
Il viso trasognato dai ricordi e dal presente
La testa altrove lungo quel cammino che ci ha fatti incontrare
Ed il sorriso è ancora sulle labbra a quel dolce pensiero
Le sensazioni ancora vive sulla nostra pelle
Il nostro profumo velato ancora nelle nostre narici
Ma tanto è solo per la vita, è solo fino alla fine del nostro cammino.
Grazie, mio compagno camminante.

 

Grazie compagno camminante è Di Manuela Ferrari, PELLEGRINA POETESSA

Preghiera del dializzato

Preghiera del dializzato

Signore,
Tu mi hai donato l’Anima
ed un Corpo.
Ho cercato di onorare l’Anima
mantenendo viva la Fede in Te,
anche se ho peccato.
Il Corpo è stato segnato
da un male subdolo e crudele,
che mi ha reso schiavo
di una macchina per sopravvivere.
Rabbia e disperazione
mi sono stati compagni, ma poi,
vedendo la sofferenza ben più dolorosa
di tanti miei fratelli,
ho capito che proprio attraverso
questa sofferenza si può comprendere
il senso vero della Vita
ed ho ritrovato la Pace,
perché la Vita
vale sempre la pena di essere vissuta.
Signore,
domani ripeterò il rito ormai consueto,
Tu dammi la forza di sopportarlo,
e sia fatta sempre la Tua Volontà,
anche con la dialisi.

Preghiera del dializzato

Prayer of the dialysed

Lord,
You have given me the Soul
and a body.
I tried to honor the Soul
keeping alive the Faith in You,
even if I have sinned.
The body was marked
by an insidious and cruel,
that made me a slave
a car to survive.
Anger and despair
I have been friends, but then,
seeing the suffering far more painful
of many of my brothers,
I understand that it is through
this suffering can be understood
the true meaning of Life
and I have found the Peace,
for Life
it’s always worth living.
Lord,
repeat the now familiar ritual tomorrow,
You give me strength to bear it,
and Thy Will be done always,
with dialysis.

…e non siamo soli (frammenti di una Malattia)

…e non siamo soli (frammenti di una Malattia)

Dalla web community de www.emodializzati.it , un libro che testimonia la forza della condivisione anche tramite internet. Un racconto, tante storie, più di 1000 copie vendute in un anno.

DISPONIBILE COME EBOOK su IBS, AMAZON e le migliori librerie OnLINE!!
Link per acquisto su IBS (internet book Shop)

Un libro che ha regalato speranza…

Il libro, stampato e distribuito in proprio in tutto il territorio nazionale, è stato portavoce di un’importante iniziativa, una raccolta fondi per la fondazione “Città della Speranza” di Padova, un centro di ricerca sulle malattie neoplastiche infantili. Quasi 4000euro sono stati devoluti al centro, siamo orgogliosi di aver dato un piccolo contributo a questa grande causa!

...e non siamo soli Immagine2 Immagine4 Immagine5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alcuni dati riassuntivi del libro:
è stato scritto tra il 2009 e 2010, raccogliendo le testimonianze di amici dializzati, trapiantati, medici, infermieri e persone normali che ci stanno accanto.
E’ stato scritto con lo scopo di dare una visione a 360° sulla nostra malattia, ma anche sul trapianto e le sue difficolta’. E’ stato stampato in 1000 copie (gia’ vendute tutte) ed è stato presentato presso il Teatro Accademico di Castelfranco Veneto ad Aprile 2010.
Il ricavato della vendita è andato in beneficenza alla ricerca sulle malattie neoplastiche infantili, oltre che essere stato usato da Aido in Veneto  in alcune manifestazioni per sensibilizzare le persone alla cultura del trapianto

Auguri di Cuore- Poesia

Buona giornata e …….. Auguri di Cuore ……..

AUGURI

Auguro a te che sei malato,
che la vita ti regali tanti sorrisi,
perché un sorriso a volte può curare
più di qualsiasi altro farmaco al mondo.
Auguro a te che ti senti solo,
anche in mezzo a migliaia di persone,
che la vita ti regali amici veri,
che facciano sentire la loro presenza
anche quando non ti sono fisicamente accanto.
Auguro a te che non credi più in niente, neanche in te stesso,
che la vita ti regali la fiducia per vedere il sole al di la delle nuvole,
una luce là dove prima vedevi solo buio e desolazione.
Auguro a te che ti credi già vecchio
perché senti il peso del tempo sulle spalle,
che la vita ti regali l’affetto dei tuoi cari,
a cui come un bastone, ti aggrapperai con tutte le tue forze,
per proseguire il tuo cammino, in quel tortuoso viaggio chiamato vita.
Auguro a te che dai per scontate le persone che ti stanno accanto,
che la vita ti faccia apprezzare la loro presenza
evitando che sia il peso insostenibile della loro assenza
a farti capire quanto erano importanti.
Auguro a te che ti senti triste,
con la malinconia che ti logora dentro,
che la vita ti regali la gioia per affrontare le sfide di ogni giorno.
Auguro a te che sei stato deluso dall’amore,
che la vita ti regali la voglia di ricominciare,
perché l’amore, giusto o sbagliato che sia,
è una magia a cui non si può, non si deve rinunciare.
Auguro anche a te perdutamente innamorato,
che la vita continui a regalarti,
quell’inspiegabile, incontenibile gioia nel cuore.
Auguro a te che credi di non avere niente,
anche se hai già tutto ciò che serve,
che la vita ti aiuti a dare il giusto peso alle cose,
alle parole, ai sentimenti e agli affetti,
prima che sia il rimpianto ad insegnarti tutto questo.
Auguro a te amico, che stai leggendo queste righe,
che la serenità possa albergare per sempre nel tuo cuore
e da esso trasmettersi alle persone a te più care.


Xavier Wheel