FOCUS – L’alimentazione in dialisi

FOCUS – L’alimentazione in dialisi

 

L’alimentazione in dialisi

Con l’inizio della dialisi, la dieta diventa più libera; è necessario però seguire alcune regole alimentari. Pur conservando un’alimentazione ricca e variata che apporti all’organismo gli elementi di cui avete bisogno, occorre tener presente che spesso questi alimenti contengono sostanze che possono accumularsi e nuocere alla salute. Essere a dieta non vuol dire mangiare sempre le stesse cose, ma dovete cercare di variare il più possibile l’alimentazione, alternando tipi di carne, pesce, frutta e verdura tra quelli concessi.

Le limitazioni alle quali vi dovete attenere sono necessarie per evitare l’introduzione elevata di liquidi, potassio, fosforo, sodio.

Liquidi

Alimentazione1Quando i reni non funzionano più e dopo qualche tempo dall’inizio della dialisi si urina molto meno, se non addirittura per niente, è molto importante non introdurre molti liquidi: infatti un aumento di peso superiore al 5% del proprio peso tra una dialisi e l’altra, può causare collassi vomito e, alla lunga, può essere dannoso per il cuore.

Il quantitativo di liquidi ideale al giorno in genere si calcola sommando la diuresi residua più 800 ml. Bisogna però tener presente che anche negli alimenti (carne, verdura, frutta) sono presenti dei liquidi. Preferite quindi la pasta asciutta rispetto a quella in brodo, controllate la quantità di frutta e verdura. le bevande e i cibi ricchi di sodio o potassio come i succhi di frutta, passati di verdura, minestroni e bevande zuccherate possono stimolare la sete.

 Esempio di apporto di liquidi:

– prima colazione, una tazza: 200ml

– pranzo, un bicchiere: 150 ml

– pomeriggio, un the: 150 ml

– cena, due bicchieri: 300 ml

Potassio

Un eccesso di potassio nel sangue può provocare un affaticamento muscolare e disturbi del ritmo cardiaco.

Ecco perchè vi verrà raccomandato spesso di fare un’alimentazione povera di potassio. Occorre eliminare i prodotti troppo ricchi di potassio e non indispensabili, come frutta secca, legumi secchi, cioccolato, banane, sale dietetico, passati di verdura. Altri alimenti che contengono potassio non si possono eliminare dalla dieta, in quanto apportano elementi nutritivi indispensabili come la carne ed il pesce (proteine). Per le verdure e la frutta, che contengono oltre al potassio altre qualità nutrizionali (come le vitamine) è bene seguire la quantità prescritta giornalmente.

Esempio

per una giornata:

– 100 gr. di frutta fresca

– 25 gr. di patate

– 125 gr. di verdure cotte

 A volte, pur seguendo un regime alimentare corretto, può succedere che i vostri esami segnalino un aumento di potassio (iperpotassemia); in tal caso il vostro medico vi può prescrivere un farmaco sotto forma di polvere (es. Kayexalate) che assorbe il potassio nell’intestino.

Fosforo

I reni sono organi importanti per il mantenimento nell’organismo di un valore normale di calcio e di fosforo: questo equilibrio facilita la strutturazione delle ossa. Quando i reni non funzionano più e soprattutto in emodialisi, esiste una tendenza all’ipocalcemia (calcio basso) e all’iperfosforemia (fosforo alto) che possono determinare un danno alle ossa.

Con la dialisi, i farmaci e la dieta, si può ristabilire questo equilibrio: l’emodialisi apporta calcio ed elimina il fosforo in eccesso; i farmaci apportano vitamina D e calcio e riducono il fosforo nel sangue; la dieta deve contenere poco fosforo per evitare l’accumulo a livello osseo, cosa non facile dato che quest’ultimo è presente nelle proteine che sono indispensabili per un buon regime nutrizionale (carne, pesce).

Non riducete troppo la carne ed il pesce se il vostro fosforo è troppo elevato, ma eliminate i latticini e i formaggi, che sono ricchi di fosforo.

Rispettate i dosaggi dei farmaci prescritti (carbonato di calcio, idrossido di alluminio o di magnesio) e il momento della loro somministrazione durante la giornata: assumete questi farmaci durante o subito dopo i pasti, momento in cui il fosforo è ancora presente nell’intestino.

Sodio

Il sale o cloruro di sodio, è presente in quasi tutti gli alimenti. Viene aggiunto a molti cibi al momento della cottura. I vostri reni non possono eliminare il sodio che viene quindi trattenuto nel corpo. Il sale stimola la sete che determina l’aumento di peso tra due sedute dialitiche; inoltre causa o aggrava l’ipertensione arteriosa. Mangiate senza sale se avete una pressione arteriosa alta; se invece la vostra pressione è bassa o normale, mangiate cibi moderatamente salati. In ogni caso, è bene limitare l’apporto di sale e dunque anche l’aumento di peso.

Cucinate senza sale, non aggiungete sale a tavola. per le bevande, attenzione all’acqua minerale gassata. Evitate poi gli alimenti ricchi di sale, come crostacei, frutti di mare, carne conservata, pesce o legumi in scatola, pasticceria, olive, capperi, piatti pronti, ecc. Mangiate carne o pesce non elaborati piuttosto che salumi (100gr. di prosciutto contengono 800 mg. di sale contro i 100gr. di una bistecca). Le uova non contengono sale. Preferite le verdure fresche o le patate preparate in casa piuttosto che i purè commerciali, le patatine fritte o le verdure in scatola, che contengono molto sale come conservante. Preferite i dolci fatti in casa al posto della pasticceria secca.

ATTENZIONE

al sale sostitutivo o dietetico che contiene molto potassio. In conclusione, l’apporto di sale va regolato dal vostro medico in funzione del vostro aumento di peso e dalla vostra pressione arteriosa,

Come deve essere la vostra alimentazione

Proteine

Le proteine sono indispensabili alla vita e alla ricostruzione delle cellule, soprattutto quelle dei muscoli. Sono presenti in numerosi alimenti e debbono essere distinte in proteine ad alto valore biologico (carne, latticini) che contengono elementi indispensabili e proteine che contengono elementi non indispensabili.

L’emodialisi aumenta la perdita di proteine; dunque l’apporto non deve essere inferiore a 1gr. per Kg. al giorno (per un adulto di 70 Kg. l’apporto sarà di 70 gr. al giorno). In dialisi peritoneale la perdita di proteine è più elevata: la dieta dovrà apportare 1,5 gr. al giorno (quindi per un adulto di 70Kg. sarà di circa 105 gr. al giorno).

E’ bene scegliere le proteine ad alto valore biologico.

Carne

In emodialisi è importante rispettare le quantità di carne (o loro equivalenti: pesce, uova) consigliate giornalmente. Le carni bianche e quelle rosse hanno quasi lo stesso valore nutritivo.

– 100 gr. di manzo = 18 gr. di proteine

– 100 gr. di pollo = 21 gr. di proteine

– 100 gr. di carne di macelleria possono essere sostituite da 100 gr. di pesce o da due uova.

Pesce

Il pesce, come la carne, è un alimento molto ricco di proteine (circa il 20%) di alto valore biologico. Il pesce è povero di grassi e pertanto è classificato come:

– pesce magro; acciuga, luccio,rombo, nasello, merluzzo,orata, limanda, sogliola, trota ed alcuni molluschi;

– pesce semi grasso: carpa, aringa, sgombro, triglia, sardina:

– pesce grasso: anguilla, lampreda, salmone, tonno

Il pesce contiene vitamine del gruppo B; il fegato è ricco di vitamine liposolubili. I grassi contenuti nei pesci (grassi omega) sono molto utili all’organismo. Il pesce può essere consumato al posto della carne, nella medesima quantità e almeno due volte alla settimana.

Verdure

Le verdure devono essere consumate in misura moderata, in quanto contengono molta acqua (90%) e potassio. Hanno poco valore nutritivo a causa del basso contenuto di zuccheri e della loro povertà di proteine e grassi. Contengono però sali minerali quali calcio, e magnesio, vitamine vit. C e folati) e cellulosa (o fibra). L’apporto di vitamine diminuisce con la cottura ( – 80%). Il contenuto in potassio per 100 gr. di verdure è:

– 800 mg. per le patate fritte

– 660 mg. per gli spinaci

– 500 mg. per i funghi coltivati

– 400 mg. per l’invidia cruda

– 300 mg. per i porri

– 268 mg. per i pomodori crudi

– 250 mg. per le patate lesse

– 155 mg. per i fagiolini

Frutta

Anche la frutta deve essere consumata moderatamente in quanto contiene molta acqua (80 – 90%) e potassio. Il suo valore alimentare è collegato al quantitativo di zuccheri. Più i frutti sono maturi, più contengono zuccheri. Il loro contenuto di grassi e proteine è trascurabile. Il loro apporto di fibre favorisce il transito intestinale. In emodialisi l’inconveniente maggiore è il suo elevato tenore di potassio che si accentua nella frutta secca (uvetta, prugne, albicocche, fichi) e nella frutta oleosa (noci, nocciole, mandorle) che contengono da 4 a 6 volte più potassio della frutta fresca.

Per contro, la frutta cotta o sciroppata (che va mangiata eliminando il liquido) ne contiene circa la metà

– 120 gr. di pera o mela apportano 145 mg. di potassio, come:

– 100 gr. di fragole o di mandarino

– 80 gr. di arancia

– 60 gr. di uva

– 50 gr. di prugne, ananas, melone

– 45 gr. di kiwi

– 40 gr. di banana

– 35 gr. di ciliegie

– 20 gr. di frutta secca

Il consumo di frutta fresca dovrà comunque essere controllato. Il consumo di frutta secca e oleosa è sconsigliato.

Cottura

In emodialisi tutte le modalità di cottura sono permesse e alcune saranno privilegiate.

In un quadro di prevenzione delle malattie cardiovascolari, non bisognerà abusare dei grassi. E’ preferibile l’olio o la margarina per la cottura. L’olio di oliva dovrà essere usato per il condimento dell’insalata e per friggere (non più di una volta alla settimana).

Le carni saranno cotte al forno, alla griglia o allo spiedo. I pesci saranno cotti al forno, al

cartoccio, allo spiedo o bolliti. le verdure dovranno essere cotte in una grande quantità di acqua dopo un lungo risciacquo e cambiando l’acqua a metà cottura. Evitate la cottura a vapore o in pentola a pressione, che certamente conserva le vitamine, ma anche i minerali, come il potassio, di cui bisogna limitarne l’apporto. le patate saranno sbucciate e tagliate a pezzetti e tenute a bagno in acqua per due o tre ore prima della cottura. Per quanto riguarda la frutta, si consiglia di consumare una parte sotto forma di frutta cotta o allo sciroppo (senza liquidi)

Salse e condimenti

L’utilizzo delle piante aromatiche e dei condimenti permette di limitare l’impiego di sale nella preparazione dei cibi, il che permette di diminuire la sensazione di sete che ne deriva, pur mantenendo un’alimentazione gradevole: aglio, cipolla, limone, ginepro, timo, alloro, basilico, menta, erba cipollina, maggiorana.

Le spezie (pepe nero o verde, curry, cumino, zafferano, noce moscata, paprica) invece vanno usate con moderazione poichè possono aumentare la sensazione di sete. I condimenti (cetriolini, mostarda, capperi, olive verdi e nere) sono, come le precedenti, da usare con moderazione, poichè si rischia di accentuare i problemi digestivi (gastriti, coliti).

Per conoscere i valori di Potassio, Fosforo e altri elementi importanti dei cibi, si consiglia la lettura della pagina “TABELLA ALIMENTI”

Articolo tratto dal sito della sanità dell’Emilia Romagna

3 commenti su “FOCUS – L’alimentazione in dialisi”

Che ne pensi di questo articolo? Dai scrivi la tua opinione!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.