GRAZIE COMPAGNO CAMMINANTE

GRAZIE COMPAGNO CAMMINANTE

Grazie Compagno Camminante - Dedicata ai camminatori dializzati e trapiantati che partiranno per Santiago de Compostela il 20 giugno 2014
Grazie Compagno Camminante – Dedicata ai camminatori dializzati e trapiantati che partiranno per Santiago de Compostela il 20 giugno 2014

Lo zaino sulle spalle, che pesava molto meno dei pensieri;
il lungo cammino da affrontare, che era molto meno lungo
della strada personale da percorrere.
Mille pensieri, mille tristezze,
la testa lontana dal corpo, in mezzo alle nuvole, a guardare
la mia terra in quel momento molto lontana.
Improvvisamente le mie mani incrociano le tue
Per sostenerci a vicenda lunga la polverosa strada…
Tanto era solo per il cammino, solo fino alla fine del cammino.

Lo zaino sulle spalle che pesava sempre meno
I pensieri che diventavano sempre più leggeri,
La strada scivolava sotto i nostri passi
Mille passi tutti i giorni, tanta strada
La testa volava lontano, in mezzo alle nuvole, a guardare
Noi due in terra straniera camminare nella polvere
Le nostre dita, le nostre mani, i nostri occhi,
Si sfioravano e si cercavano con tenerezza
Tanto era solo per il cammino, solo fino alla fine del cammino.

Lo zaino sulle spalle che ormai non pesava più
I pensieri erano ormai lontani
La polvere, il fango nelle scarpe
La pioggia nei capelli, il sole negli occhi
La testa che girava non dalla fatica, ma dalla gioia,
O per una notte passata ad occhi aperti mano nella mano
Tra strani rumori ed umori strani
Sensazioni forti di amore sincero, di amore non colpevole
Tanto era solo per il cammino, solo fino alla fine del cammino.

Lo zaino pesante di pioggia lassù tra la nebbia
I pensieri che a poco a poco tornavano
A turbare questo cammino fatto anche di leggerezza
Il viso bagnato e non solo di pioggia
Il freddo nelle ossa e la febbre sulla fronte
La testa confusa alla ricerca delle certezze ritrovate
I nostri corpi a cercare il calore di cui avevamo tanto bisogno
Le nostre mani a cercare di trattenere qualcosa che stava nascendo
Ma tanto era solo per il cammino, era stato solo fino alla fine del cammino….

Lo zaino ormai leggero là, in quella agognata piazza
I pensieri non c’erano più, c’era solo la gioia
Le lacrime dolci scendevano sulle nostre guance
Ogni sconosciuto diventava amico da abbracciare
Le gambe stanche diventate leggere
La testa frastornata da mille visioni, da mille rumori, da mille singhiozzi
Il corpo disteso sul selciato a guardare la maestosità della cattedrale
Le nostre mani a cercare l’assoluto per non lasciarlo andare
Tanto era la fine del cammino, era solo fino alla fine del cammino

Lo zaino pieno di pensieri lo abbiamo scaricato dalle spalle
La vita di tutti i giorni ormai non è più pesante
I problemi sono risolti, abbiamo aggiunto gioia alla vita
Il viso trasognato dai ricordi e dal presente
La testa altrove lungo quel cammino che ci ha fatti incontrare
Ed il sorriso è ancora sulle labbra a quel dolce pensiero
Le sensazioni ancora vive sulla nostra pelle
Il nostro profumo velato ancora nelle nostre narici
Ma tanto è solo per la vita, è solo fino alla fine del nostro cammino.
Grazie, mio compagno camminante.

 

Grazie compagno camminante è Di Manuela Ferrari, PELLEGRINA POETESSA

Che ne pensi di questo articolo? Dai scrivi la tua opinione!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.