ANED

Io dono – L’Irpinia per la Vita

Io dono – L’Irpinia per la Vita

Anche quest’anno,  grazie al  Prof. Giovambattista Capasso (full Professor of Nephrology Head Department of Nephrology Padiglione 17 Policlinico Nuovo di Napoli – e past Presidente della Società Italiana di Nefrologia), si svolgerà la 2° biciclettata per la sensibilizzazione alla donazione degli organi a scopo terapeutico e trapianto.
Tutta l’irpinia verrà attraversata da centinaia  di ciclisti amatoriali, pazienti, medici e infermieri del settore.
ANED sarà presente con la sua presidente e alcuni ciclisti di ANED SPORT per ricordare che migliaia di pazienti in lista d’attesa ogni anno attendono un organo per tornare a Vivere.

(dal portale Federciclismo)

Anche quest’anno per diffondere il messaggio della importanza della donazione degli organi, le associazione raccolte con il logo  “”L’IRPINIA PER LA VITA – IO DONO”,  hanno promosso per il giorno 23. Agosto.2015 una Giornata di sensibilizzazione per la promozione della donazione di organi, con una  passeggiata ciclistica che attraverserà alcuni comuni dell’Alta Irpinia.

Più precisamente, il programma della manifestazione prevede che partendo da Lioni alle ore 10,00, i partecipanti raggiungeranno dapprima Bagnoli Irpino, per proseguire a Montella, Cassano e Nusco e fare ritorno a Lioni, dove a conclusione si terrà una festa popolare con degustazione di prodotti irpini.

Centinaia di ciclisti percorreranno in tutta sicurezza, prevalentemente le vecchie strade provinciali dell’Alta irpinia, avendo modo di godere dei colori e dei profumi che le campagne e le colture dei nostri campi ancora possono regalare a chi le attraversa.

Nel primo  tratto Lioni- Bagnoli irpino, si costeggerà dapprima  l’Ofanto sino a quasi alla sua sorgente per poi procedere per lunghi tratti parallelamente alla linea ferroviaria Avellino–Rocchetta Sant’Antonio, oramai dismessa e notando gli edifici dei suoi caselli ove ancora fioriscono gerani e fiori di ogni specie a testimoniare la cura che i “casellanti” e la le loro famiglie riponevano nella lor custodia.

Pedalando all’ombra di castagni si raggiungerà il centro di Bagnoli Irpino, paese del tartufo e della castagna ma anche con un importante centro storico caratterizzato oltre che da Chiesa Madre risalente al ‘900  con un coro ligneo di mirabile bellezza e da un nucleo di caseggiati datati intorno al 1300\1440 detto ””Rione della Giudecca” a matrice Ebraica.

Percorrendo in discesa un tratto della strada di montagna che in senso inverso conduce all’Alto piano del Laceno, si prosegue verso Montella, incontrando il fiume Calore  ed avendo come riferimenti a destra il complesso del Monastero di San Francesco a Folloni – monumento nazionale – ed a sinistra, alzando lo sguardo, il Santuario del San Salvatore che posto a m. 954 domina tutta la valle.

A Montella, si sosterà nella piazza centrale, da cui si proseguirà di nuovo parallelamente alla linea ferroviaria ed arrivando ai piedi di Cassano Irpino, ove per accedere all’antico centro storico si affronterà una breve salita, ma lo sforzo sarà ripagato dalla amenità del luogo, dominato dal palazzo baronale di epoca longobarda.

Scendendo da Cassano Irpino e raggiunto Ponteromito, bisognerà affrontare, cercando l’ombra di vecchi platani,  dodici chilometri della ascesa sino a Nusco.

Dal balcone d’Irpinia, per la possibilità offerta dai suoi 969 m. s.l.m. si potrà spaziare con lo sguardo  sia verso il che il Vulture che dall’altro lato verso il Terminio; abbracciando tutto l’incomparabile verde paesaggio dell’Alta Irpinia, con i declivi che risalgono verso il massiccio dei Monti Picentini ed attraversati dall’Ofanto e dal Calore.

In Nusco, transitando dinanzi alla  Cattedrale ed al suo imponente campanile, sotto lo sguardo severo del monumento a Sant’Amato, attraverseremo tutto l suo centro storico per raggiungere    la Piazza principale.

Successivamente, percorrendo in discesa ed in pianura gli ultimi 16 Km. si farà ritorno a Lioni, ove raggiungendo piazza Della Vittoria alle ore 18,30, si sarà accolti da tutte le associazioni del volontariato irpino ed a cui farà seguito una Sagra dei Sapori Irpini.

In ogni Paese che si attraverserà sono previste delle soste, con il saluto delle Autorità e delle Associazioni cittadine oltre che per raccogliere le testimonianze di chi ha ricevuto un trapianto, ma anche per conseitre ristoro ai ciclisti.

La manifestazione si terrà Domenica 23 Agosto con il patrocinio dell’Arcidiocesi e dell’Associazione Nazionale Emodializzati, in collaborazione con le Amministrazioni Comunali interessate, con il supporto di tutte le associazioni del volontariato presenti sul territorio e con il contributo dei centri di emodialisi irpini. Essa è stata preceduta da una serie di incontri ternutisi nelle scuole dei paesi attraversati, incontri in cui si è parlato del trapianto degli organi e delle tematiche clinico-sociali ad esso correlate.

A testimonianza che il trapianto restituisce una persona ad una vita normale, la passeggiata  ciclistica vedrà la partecipazione di pazienti trapiantati di rene e\o di altri organi,  oltre a nefropatici in trattamento dialitico in attesa di trapianto ed in ogni paese attraversato vi saranno momenti per la raccolta di loro testimonianze per la sensibilizzazione su questo importante tema.

In questo modo semplice, ma autentico, la gente irpina cercherà di esprimere solidarietà ai meno fortunati e vuole far riflettere sull’importanza di un gesto che potrebbe cambiare il destino di tanti nostri sfortunati amici.

Inoltre, il portare centinaia di ciclisti a percorrere le strade dell’Alta Irpinia con la profonda motivazione solidaristica innanzi espressa, consentirà anche la migliore percezione dell’ambiente in cui si snodano e della necessità di ogni sua più opportuna tutela: per questo vi aspettiamo numerosi e solidali.

Le Associazioni

IRPINIA PER LA VITA – IO DONO

LIONI BIKE

Io dono – L’Irpinia per la Vita

Che ne pensi di questo articolo? Dai scrivi la tua opinione!