Archivi tag: conservativa

Zuppa di castagne e ceci

Zuppa di castagne e ceci

Ingredienti per 6 persone.

Ceci secchi 300 g;
castagne senza buccia 250 g;
olio extravergine di oliva 40 g;
una punta di concentrato di pomodoro;
2 spicchi di aglio;
rosmarino;
acqua 1500 cc

Pasta fresca all’uovo (quadrucci o maltagliati) 100 g;

Per preparare questa ricetta occorre tenere in ammollo in acqua tiepida i ceci per una notte intera. La mattina dopo scolate i ceci e trasferiteli in una pentola ricoprendoli di acqua fredda. Dopo una prima ebollizione, sostituite l’acqua con altrettanta bollente, riprendete la cottura e lasciateli cuocere a fiamma dolce per circa 2 ore, fino a quando saranno teneri.

Nel frattempo lessate anche le castagne. Poi sbucciatele e schiacciatene qualcuna. In una pentola capiente mettete un trito di aglio e aghi di rosmarino; fate soffriggere in 2 cucchiai di olio per qualche minuto poi unite tutte le castagne. Aggiungete la conserva di pomodoro, l’acqua e, dopo qualche minuto, i ceci. Lasciate bollire per una altra ora circa. Aggiungete i quadrucci e fate cuocere.

Servite con un filo di olio extravergine di oliva a crudo.

Accorgimenti:

Per velocizzare la preparazione ho usato ceci lessati in scatola. Scolateli dal liquido di governo per eliminare parte del potassio . Inoltre, ho utilizzato castagne già sbucciate e surgelate. Potete servire la Zuppa di castagne e ceci con fette di pane abbrustolito invece che con la pasta.

Nota: La ricetta originale prevede che le castagne siano cotte in forno. Per velocizzare la preparazione ho utilizzato castagne già sbucciate e surgelate. Potete usare anche i ceci lessati in scatola. Scolateli dal liquido di governo per eliminare parte del potassio. In questo caso il sodio aumenta, visto che i ceci in scatola contengono sale. Il valore del potassio riportato è calcolato con ceci e castagne crude. Con la cottura in acqua il valore effettivo si riduce. Attenzione se avete problemi col potassio.
In terapia conservativa e nel trapianto può essere un gustoso piatto unico.

 

Vellutata di zucca gialla

Vellutata di zucca gialla

Un’altra ricetta autunnale per i nostri amici dializzati e trapiantati,

Ingredienti per 4 persone:Vellultata di Zucca

zucca gialla 600 g;
patata 300 g;
cipolla 100;
farina 20 g;
olio extravergine di oliva 40 g;
qualche foglia di alloro;
panna da cucina al 20 % di grassi 30 g;
parmigiano 40 g.

In aggiunta;
Pan carrè 100 g
Sbucciate la zucca e la patata, lavatele bene e tagliatele a pezzetti. Tritate finemente la cipolla e fatela appassire a fuoco basso con l’olio e un po’ di acqua. Aggiungete la zucca e la patate; fate insaporire. Unite la farina a pioggia e mescolando continuamente fatela imbiondire.

Aggiungete acqua, coprite e fate cuocere per almeno mezz’ora. Eliminare l’alloro e frullate con un mixer ad immersione. Continuate la cottura per qualche minuto. Per ultimo aggiungete la panna e il formaggio.

Nel frattempo tagliate il pan carrè a dadini e tostatelo in forno caldo. Servite la vellutata con i cubetti di pane e se piace un pizzico di pepe.

Nota. La zucca, dolce e gustosa, è un alimento povero di calorie (15 calorie ogni 100 g), ricco di fibra, vitamine ( in particolare carotenoidi, precursori della vitamina A) e sali minerali. Ottima la vellutata di zucca! In conservativa è un squisito piatto. Potete preparare la vellutata e poi, nella vostra porzione, usare il pan carrè aproteico .

Se fate dialisi attenzione alle bevande. Questo piatto apporta una buona quantità di liquidi.

Se avete fatto il trapianto: buon appetito!

Vellutata di Zucca –  Ricetta a cura di Franca Pasticci