Archivi tag: nefropatici

Meyer, sms solidale per il nuovo centro dialisi a misura di bambino

Un nuovo centro dialisi a misura di bambino al Meyer

Al Meyer, grazie all’impegno scientifico dei nostri ricercatori, ogni giorno garantiamo le migliori cure in tutte le specialità pediatriche.

Con il nuovo centro dialisi realizzeremo un reparto dove potremo garantire i massimi livelli di assistenza e attenzione verso i piccoli pazienti con problematiche renali.

Il tutto in un ambiente pensato e realizzato a misura di bambino

Prof.ssa Paola Romagnani
Responsabile Nefrologia e Dialisi Ospedale Pediatrico Meyer

DONA CON SMS 45525Dal 20 febbraio al 6 marzo 2017

Perché sostenere il nuovo centro dialisi a misura di bambino?

La Nefrologia Pediatrica del Meyer, diretta dalla Prof.ssa Paola Romagnani, una delle più autorevoli esperte mondiali per l’attività di ricerca e clinica sulla tematica delle problematiche renali pediatriche, cresce e si evolve.

Sarà ancor più orientata sul bambino e l’adolescente, con una migliore assistenza personalizzata e dedicata da parte dell’operatore, con tecnologie sempre più avanzate e con un ambiente dedicato dove anche gli spazi di attesa e di cura sono pensati per la fruizione in ambito pediatrico.

La tematica sanitaria afferente le malattie renali ha una complessità che nel nostro centro viene affrontata con una perfetta integrazione tra ricerca avanzata e attività clinica ed il nostro è uno dei pochi centri al mondo a lavorare con le tecniche più avanzate di diagnosi genetica e molecolare tramite sequenziamenti esomici del DNA.

Questo significa anche trovare soluzioni che permettano diagnosi precoci che possono anche consentire di evitare di arrivare al processo di dialisi. Il centro tratta circa 1.600 attività di Day Hospital e circa 2.000 prestazioni ambulatoriali all’anno.

L’investimento necessario per l’espansione del reparto di Nefrologia Pediatrica nella nuova ala dell’ospedale secondo pianta è di circa 850.000 euro, di cui 700.000 euro coperti dall’Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer con un finanziamento pubblico ed i rimanenti 150.000 euro saranno garantiti dalla Fondazione Meyer che si attiva anche con iniziative specifiche di raccolta fondi, tra cui l’SMS solidale, per coprire tale impegno.

Biscotti Gustosi

BISCOTTI GUSTOSI

Una nuova ricetta per un dolce semplice e leggero, che va bene per tutti, nefropatici, dializzati e trapiantati. Un pizzico di fantasia poi li rende ancor più gustosi!

Ingredienti:

– gr.125 farina integrale e 125 farina di segale(mantenendo il peso tot. si può variare il peso delle due farine, io ad esempio ho usato solo farina bianca 00, 250 gr.)
– gr.100 zucchero di canna,
– gr.100 olio extravergine d’oliva,
– buccia grattugiata limone bio,
– 1 uovo,
– 1 bustina di lievito per dolci.

biscotti gustosi

Amalgamate le farine, mescolatele con lo zucchero e l’uovo, l’olio. Versate le farine con il lievito, la buccia di limone e facoltativa, la vaniglia.
Dell’impasto, formate un panetto e stendetelo col mattarello. A questo punto date la forma ai vostri biscotti, spennellateli con un poco d’acqua e spolverizzate metà con zucchero di canna e altri con semi di lino o a piacere.

Cuocete in forno caldo a 180° per 15 minuti, ma secondo la doratura potete tenerli di più!

A questo punto, gusta i tuoi biscotti gustosi della salute…buon appetito!!

Ricetta dei Biscotti gustosi, a cura di Rita Gobbi

INFOMAZIONI NUTRIZIONALI

Proprietà e uso della farina di segale

Questo tipo di cereale è caratterizzato da un elevato apporto vitaminico (acido folico o folacina), di sali minerali (sodio, potassio, calcio e iodio, contiene buoni quantitativi di ferro) e fibre. In particolare, l’elevato contenuto di fibra svolge un´azione importante, in quanto migliora la salute intestinale, regola l´appetito, creando un senso di sazietà e modulando lo zucchero nel sangue. La segale è nota anche per le sue elevate proprietà fluidificanti del sangue, consigliate per prevenire l´invecchiamento delle arterie, l´ipertensione e molti dei connessi disturbi cardiovascolari. Non mancano nella farina di segale le proteine, caratterizzate per avere un maggior valore biologico rispetto a quelle del frumento (sono presenti maggiori aminoacidi essenziali come lisina e treonina). La farina di segale ha infine un basso indice glicemico, è quindi particolarmente indicato nella dieta dei diabetici. Contiene, anche se poco, glutine, inadatta ai celiaci.

Informazioni sulla farina integrale

Le farine integrali hanno il grande vantaggio di mantenere intatti i nutrienti presenti nel germe, “l’anima” dei chicchi, fonte di sali minerali, aminoacidi e vitamine, e nella crusca, la parte più esterna, che contiene le fibre.

Nella produzione della farina integrale, il chicco viene utilizzato nella sua interezza, rispettando in modo assoluto i parametri consentiti dalla legge, in particolare quelli sui pesticidi, sulle condizioni durante la trasformazione e sugli impianti di molitura.

La farina integrale, diversamente dalla 00, conserva integralmente la crusca ed è per questo molto meno bianca e molto più ricca di fibre; quindi, dal punto di vista nutrizionale, è un alimento molto più completo.

Trenette con pesce spada e verdure

Trenette con pesce spada e verdure

La pasta che vi propongo oggi: trenette con pesce spada e verdure è un primo piatto gustoso, veloce da preparare, ideale per una cena estiva con gli amici, abbinato ad un’insalata.

Trenette con pesce spada e verdure

Ingredienti per 4 persone :

• 320 gr. di trenette
• 180 gr. di pesce spada ( una fetta )
• 1 cucchiaio di capperi
• 2 piccole zucchine
• 2 pomodori i a grappolo
• 1 dado di pesce
• 1 spicchio d’aglio
• 100 ml. di vino bianco secco
• ½ cucchiaino di prezzemolo tritato
• alloro, rosmarino
• sale fino q.b.
• un pizzico di peperoncino
• olio extra vergine di oliva

 Procedimento : dissalare i capperi . Lavare e spuntare le verdure . Tagliare le zucchine a cubetti e sbollentarle per alcuni minuti in acqua leggermente salata.
 Private i pomodori della buccia e de semi , poi tagliateli a cubetti.
 Eliminate la pelle pesce spada, lavatelo con cura, asciugatelo e poi tagliatelo a cubetti. Ponete una padella con olio q.b. sul fuoco a media intensità e, appena è caldo aggiungere lo spicchio sbucciato e i cappperi dissalati, mescolate e lasciate insaporire per alcuni minuti, poi aggiungete i cubetti di pomodoro, un pizzico di peperoncino ; appena la salsa si sarà ristretta sfumare con il vino bianco, lasciar evaporare e poi aggiungere i cubetti di pesce spada, fate cuocere per 3 minuti, poi aggiungete i cubetti di zucchina , fate cuocere per 1 minuto , poi togliete dal fuoco. e  regolate di sale.
 Nel frattempo porre sul fuoco un tegame  con abbondante acqua, portarla a bollore, aggiungere una foglia di alloro e un dado di pesce, far bollire per una decina di minuti, poi regolare di sale. Quando il brodo bolle versare la pasta, farla cuocere e scolarla al dente.
 Far saltare le trenette nel sugo di pesce spada e verdure appena preparato.

Servire subito il piatto, decorando a piacere con un ciuffetto di rosmarino.

 

Trenette con pesce spada e verdure – ricetta per nefropatici a cura di Daniela Del Ben 

Il suo Blog: danieladiocleziano.blogspot.it

Aperte le iscrizione ad ANED 2015

Aperte le iscrizione ad ANED 2015

L’ANED (Associazione Nazionale Emodializzati e Trapiantati di Rene) apre le iscrizioni per il 2015, mettendoci a conoscenza delle azioni che vorrebbe portare avanti a favore di tutti i Nefropatici, Dializzati e Trapiantati di Rene.

E’ importante sostenere Associazioni come ANED, perchè nel tempo ci hanno dato quei benefici che ora noi diamo per scontato. E’ importate sostenere Associazioni come ANED non solo economicamente, ma sopratutto donando il proprio tempo alle attività che ANED stessa propone e promuoverle sul campo, per se stessi e per tutti.

Questi in sintesi i punti su cui ANED si impegna a lavorare (in calce troverete tutti i documenti nel dettaglio, assieme ai documenti per associarsi):

  1. Difendere i diritti socio sanitari acquisiti in 42 anni di battaglie, messi a rischio ogni giorno, affrontando con energia e vigore alcune ingiustizie;

  2. Sopperire alla carenza di informazioni e al poco coinvolgimento del malato nella gestione della propria malattia;

  3. Sopperire alla carenza di Trapianti: i dializzati in lista di attesa sono circa 7000, a fronte di poco più di 1500 trapianti effettuati all’anno. Allarmante è l’aumento delle famiglie che si oppongono alla donazione degli organi del proprio caro deceduto e le rianimazioni che non avviano la procedura dell’accertamento della morte cerebrale.

Solo la partecipazione attiva aiuta a curarsi meglio, a vegliare e difendere i diritti acquisiti, a sostenerci a vicenda e a non sentirci soli. Franca Pellini, fondatrice di ANED lo intuì nel lontano 1972 e da allora “ogni paziente nefropatico, dializzato, trapiantato ha incrociato la propria storia con quella dell’Associazione”

Valentina Paris

Presidente del Consiglio direttivo di ANED

 

Leggi per intero il documento ANED:

urgenze Aned 2015 Pagina1

urgenze Aned 2015 pagina2

 

Scarica i moduli per iscriversi ad ANED

aned_pdf_iscrizione_a4_cartaceo – Modulo compilabile a mano (da stampare)

aned_pdf_iscrizione_a4_iscrizione_web    –   Modulo da compilare digitalmente (si stampa dopo)

Polenta croccante

Polenta croccante

Ingredienti per 4 persone:
300g di farina per polenta precotta
700ml di acqua
200g di simil-parmigiano(oppure 200g di mozzarella vegetale)
2 cucchiaini scarsi di sale rosa(oppure quello che preferite)
Pepe
Pangrattato(1 cucchiaio abbondante)
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

Preparazione:
In un tegame antiaderente con i bordi alti aggiunte l’acqua, il sale, l’olio e portate ad ebollizione.Giunto il punto di ebollizione, versate la polenta a pioggia e mescolate continuamente(si deve addensare).Trasferite la polenta in una teglia foderata con carta forno e aggiungete il simil-parmigiano a strati.
Aggiungete il pangrattato su tutta la superficie e infornate a 200°(forno preriscaldato) per 20 -25 minuti(monitorate la cottura).
Servite e gustate in base alla vostra fantasia.
Buon appetito!

Marika Pieri

POLENTA CROCCANTE

polenta croccante

 

La polenta è uno degli alimenti più antichi che conosciamo ed era sulle tavole dei meno abbienti, poiché cibo economico e accessibile anche ai più poveri. Non per questo trattasi di un alimento da sottovalutare, anzi, il contrario semmai.

Nel nostro cammino alla scoperta degli elementi naturali benefici per l’uomo, stiamo scoprendo sempre più quanto gli alimenti di cui si cibavano, in tempi addietro, i più poveri siano spesso i migliori in fatto di salute e di proprietà nutritive.