Archivi tag: traduzione

Tu sei Perfetto

Tu sei Perfetto

A volte è difficile vederlo, ma tu sei perfetto.

Miliardi di anni fa una stella esplose, spargendo atomi attraverso l’universo.
Questi atomi si sono spostati nel vuoto dello spazio per miliardi di anni prima di arrivare finalmente, insieme, a miliardi di altri atomi provenienti da tutto l’universo, per formare la terra.
Dopo alcuni miliardi di anni, alcuni di questi atomi si sono finalmente aggregati ​​nel modo giusto per formarti. L’universo si era creato perfettamente per farti diventare come sei.
A volte arrivano momenti difficili, ma pensa a che cosa ha attraversato ogni atomo del tuo corpo; la distanza percorsa per crearti.
Il fatto che siano giunti tutti insieme nel modo giusto per renderti bello è incredibile.
Quando i tempi diventano difficili, cerca di ricordare come tutto è sincronizzato, pensa a quanto sia incredibile che tu possa sentire la tristezza che provi.
L’universo ti ha creato in modo che potesse sperimentare emozioni differenti. Ama i momenti felici, ma abbraccia quelli tristi. Sappi che niente dura per sempre, nemmeno il più dei giorni e pensa che un giorno, presto ,sarai di nuovo felice.
L’universo ha bisogno di conoscere la tristezza per conoscere la felicità. Quando sei nei giorni trisi, abbracciali e impara da loro; impara cosa li rende così tristi e impara cosa ti porterà di nuovo ad essere felice.
In tutte le cose cattive e tristi ci sono i semi di qualcosa di buono che ti porterà di nuovo alla felicità.

Centro Dialisi Vacanza a Saronico

Centro Dialisi Vacanza a Saronico [Grecia]

Articolo tratto da: Global DialysisDialisi Saronico Centro logo

Situato sull’isola dall’acqua di smeraldo di Egina, a soli 50 minuti da Atene, la capitale della Grecia, il Centro Dialisi Saronico fornisce i più alti standard di servizi terapeutici per i pazienti renali, conforme a tutte le disposizioni di legge mediche.

Il centro dialisi Saronico

Il centro dialisi si concentra sull’offerta di alta qualità di sedute di emodialisi per i visitatori di Egina e le zone limitrofe nel Golfo Saronico. La loro missione è quella di aiutare gli utenti in dialisi ad avere un soggiorno in puro relax e una fuga dalla vita quotidiana.Fuori dal centro dialisi Saronico

Inoltre essi vi possono aiutare a pianificare il vostro itinerario di vacanze! Essendo vicino alla vicina  isole di Agkistri, Poros, Idra e Spetses, il centro è in una posizione ideale per gite di un giorno (come ad esempio l’area archeologica di Epidauro), che offre spettacoli teatrali e manifestazioni tra giugno e agosto.

Info sull’isola di Egina (da in2greece.com)

Tutto sul centro dialisi Saronicogd5star64x64

Il centro dialisi utilizza 11 macchine per la dialisi B. Braun Dialogue+ e 2 NIKISSO DBB-05, il tutto con una garanzia di 5 anni. Il meccanismo di sterilizzazione dell’acqua con osmosi inversa è stato progettato da Temak. Questo è costituito da due singoli sistemi di membrana, pompe e ammorbidenti, per eliminare il rischio di rotture e ritardi nel funzionamento centrale. Il centro dispone di un proprio generatore di 65kva. La nostra aria condizionata è stato progettato da ABB Hellas SA Company. Ogni stazione di dialisi ha la sua propria TV, cuffie e connessione internet.

Accettiamo la TEAM (mod. E111) per vistors dall’Europa. Per i visitatori senza la TEAM, allora il prezzo è di $ 270 euro a seduta. Possiamo fare una tariffa scontata per gruppi e un gran numero di sedute di dialisi.

Abbiamo bisogno di avere le seguenti forme:

  • fotocopia del modulo TEAM (mod. E111),
  • recenti risultati delle analisi del sangue, la storia medica e informazioni sulla tua prescrizione di dialisi,
  • fotocopia del passaporto o di altro documento d’identità in corso di validità.

Il nostro team farà ogni sforzo per farvi sentire a proprio agio dal momento del vostro arrivo . Il nostro personale esperto creerà un ambiente caldo e accogliente per la cura della persona in ogni momento. Il nostro direttore e nefrologo medico, il dottor Manolis Logothetis ha oltre 20 anni di esperienza e porta la nostra squadra nella promozione di un ambiente accogliente e professionale.

Non vedono l’ora di accogliere i pazienti di altrie nazioni al loro centro“Sarai contento di aver scelto la nostra bella isola come vostra destinazione di vacanza che in qualsiasi periodo dell’anno, vi lascerà con dei ricordi meravigliosi. Siamo a disposizione per accogliere la comunità mondiale di dializzati che hanno remore di lasciare i loro paesi per problemi di salute, i quali impediscono loro di affrontare le nuove sfide e avventure.”

Contatti

Basileos Konstantinou 11

Telefono +30 22970 29111

Fax: +30 22970 24909

Mob: +30 69477 14737

Per maggiori informazioni visitare la pagina Saronic Dialysis.

Il nostro segretario è la signora Antonia Sarri e lei è felice di aiutarvi con tutte le domande sulla tua dialisi o alloggio.

Le prenotazioni possono essere effettuate tramite Book Service o contattandoci direttamente.

Centro Dialisi Vacanza a Saronico [Grecia]

Articolo tratto da: Global Dialysis – La traduzione è del maggio 2015, potrebbe risultare obsoleta nel tempo.

Storia della prima dialisi peritoneale

Storia della prima dialisi peritoneale

La storia poco conosciuta della prima dialisi peritoneale.

Gli inizi della emodialisi sono stati descritti molte volte, ma la riuscita della prima dialisi peritoneale ha probabilmente preceduto il successo della prima emodialisi di 7 anni.

La dialisi peritoneale è stata affiancata alla emodialisi nella maggior parte delle unità renali ospedaliere sin dai primi anni 1960, ma è stata utilizzata anche in molti ospedali privi di specifiche unità renali, sebbene i dati statistici su questo siano sempre stati piuttosto approssimativi .

Il primo caso trattato con successo fu probabilmente quello di un paziente con insufficienza ostruttiva renale acuta (ARF) al Wisconsin General Hospital, nel 1938; un ulteriore successo fu in seguito segnalato a Boston da Fine, Frank e Seligman nel 1945 (circa nello stesso periodo in cui Kolff riportò il primo successo nella emodialisi). Nel Regno Unito, una donna di 36 anni con ARF (causata da una errata trasfusione di sangue) fu trattata con successo per mezzo della peritoneale dall’ urologo Ronnie Reid ,nel 1946.

In realtà il suo uso in pazienti con insufficienza renale era già stato tentato da Ganter nel 1923, ma i continui problemi di peritonite, le difficoltà di drenaggio, la fuoruscita del liquido, le difficoltà nel gestire la correzione degli elettroliti e l’equilibrio dei fluidi  resero queste prime esperienze scoraggianti.
A questi primi risultati seguirono anni di ricerca sull’uso del peritoneo per la dialisi, da parte di singoli medici ma anche di equipes, specialmente in Germania e negli USA.
Nel 1959,anno in cui l’ emodialisi cominciò a prendere piede nel Regno Unito, Morton Maxwell e la sua equipe di Los Angeles  descrissero un sistema di infusione / drenaggio chiusi ,semplificati e migliorati, uniti ad un catetere rigido introdotta nella linea mediana attraverso un trochar [specie di cannula]. Con questo essi rispondevano alle difficoltà di utilizzo della macchina per emodialisi (o”rene artificiale”) a doppia serpentina di Kolff, ritenuta una procedura ”complicata e costosa”.

Le storie di tutti questi  casi rivelano quanto in quei tempi la dialisi fosse usata solo in extremis . Spesso non era utilizzata prima che il paziente fosse in condizioni disperate.

Sempre nel 1959 Paul Doolan ( scrivendo da una unità navale dove si usava l’emodialisi sin dal 1950) descrive risultati e problemi simili a quelli della emodialisi di Maxwell,ottenuti  però con una tecnica di dialisi [peritoneale] a circuito chiuso, ma con cateteri migliorati (essi furono i precursori dei moderni cateteri peritoneali).

La tecnica di Maxwell è stata ed è ancora usata in molte parti del mondo,sebbene l’uso del liquido per dialisi in bottiglie di vetro sia stato in gran parte superato :alcuni centri continuano persino ad utilizzare ancora cateteri rigidi anziché il tipo morbido “Tenckhoff ‘( probabilmente per motivi di costo).

Essa è tuttora importante come trattamento per l’insufficienza renale acuta in tutto il mondo.

Come già detto, il catetere rigido è stato migliorato con il”TROCATH”, introdotto da Weston e Roberts a Los Angeles nel 1964, che è stato inserito intorno a un sottile ”mandrino” [ filo di alluminio modellabile ] anziché attraverso un trocar(o cannula) cavo, riducendo così le perdite di liquido.
Tuttavia la applicazione della peritoneale anche all’insufficienza renale allo stadio terminale ,non solo acuta, richiese poi ulteriori progressi tecnici.

Storia della prima dialisi peritoneale – Ulteriori informazioni :
J. Stewart Cameron 2002. A History of the Treatment of Renal Failure by Dialysis (OUP)

Doolan PD et al. An evaluation of intermittent peritoneal lavage. Am J Med 1959 26:831-44

Maxwell MH, RE Rockney, CR Kleeman, MR Twiss. Peritoneal dialysis 1: technique and applications. 1959 JAMA 170:917-24

ISPD. The history of peritoneal dialysis. Originally published by the ISPD, now available here.
Boen ST 1959. Peritoneal dialysis – a clinical study of factors governing its effectiveness. PhD thesis, University of Amsterdam
The early history of dialysis (Edren)

Articolo originale su historyofnephrology.blogspot.it